Era il tempo della giovinezza

Home/Narrativa/Era il tempo della giovinezza

Era il tempo della giovinezza

 10,00

Autore: Massimo Mormile
Genere: narrativa
Data uscita: Giugno 2018
Editore: MReditori
Pagine: 116
Formato: brossura
Lingua: Italiano
ISBN 978-88-99008-89-5
EAN 9788899008895

Categoria:

Descrizione

Viviamo anni e anni, ma in realtà è solo una piccola parte che viviamo davvero, quando facciamo quello che realmente avremmo voluto fare, il resto del tempo è ricordare e attendere. È un viaggio che non finisce mai, che si prolunga di continuo, di memoria, di ricordo, di narrazione. Una narrazione che procede avanti, che ritorna indietro tracciando nuovi percorsi, ma sempre ricominciando il viaggio, perché solo questo conta, ricominciare di nuovo, ancora una volta.

Quello dell’autore è un viaggio sincronico e diacronico. Sull’adesso e su quello che c’era. Un libro ipertrofico, slegato, lacerante. Un caleidoscopio di desideri e rinunce, energie e resa, rimpianto e speranza, amore e fuga, paura e coraggio.

È un libro frammentario, slegato come la vita, come è lo sconfinato dell’a- nima e della vita interiore. È un libro di balzi: temporali, di umore, di convinzioni, in cui irrompe tutta la costellazione del “sentire”. Un libro di slanci lirici, di riflessioni, di imprecazioni, di energia gridata, di sottomissione alla realtà, di sconfinamento continuo.

Regna l’incoerenza, lo scandalo, la poesia, la ribellione, il grido, l’implora- zione della parola scritta e scavata dentro da accogliere come una ferita e una rinascita per tutti noi.

Un suono nuovo per chi ha abbandonato le caverne dell’anima, e si trova di nuovo catapultato dentro di sé. Uno snudamento coraggioso che chiede al lettore di fare la stessa cosa.

Ma c’è, anche in questo libro, la possibilità di risorgere sempre. Cancellare tutto di nuovo dalla lavagna, la possibilità di rigenerarsi ad ogni alba e ricongiungerci con la felicità perduta. Per essere quello che in maniera imperfetta siamo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Era il tempo della giovinezza”