Gianluca Radici

//Gianluca Radici

Gianluca Radici

RadiciGianluca Radici sin da giovanissimo sente su di sè i segni di una premonizione.
Rimasto orfano dalla nascita, soffrirà quella mancanza per tutti gli anni a venire, vivendola come un tradimento, da parte di colui che gli ha dato la vita senza poterlo accogliere tra le sue braccia, togliendogli la gioia di vivere.

Luca cresce tra certezze e contraddizioni, tipiche di un’anima in continua ricerca di sé stessa, fino al giorno in cui si troverà a scontrarsi con il principe del male ed i suoi seguaci, che cercheranno di spingerlo lentamente alla pazzia.

Preda di una setta satanica, diventa vittima di uno stalking virtuale e reale.
Inesorabilmente si avvicina all’orlo del baratro infernale, fino al punto di essere annientato da una mente assassina.

Luca scampa letteralmente alla morte uscendo indenne da uno scontro, dove improvvisamente senza una spiegazione, l’auto che stava per investirlo viene deviata da una mano ignota.
A quella mano Luca si aggrappa con tutto se stesso, e da quella mano riceverà doni e carismi che lo porteranno ad alleviare le sofferenze di migliaia di anime a lui affidate.

Dio però vuole rendere visibile la credibilità di Luca, e non trova di meglio che mettersi in posa nell’azzurro del cielo, mentre Luca ne fotografa le fattezze e le sagome!Questo è il cielo di Luca; un album fotografico dove Dio sorride posando per lui!

2018-09-17T11:48:01+00:00

Un commento

  1. admin aprile 13, 2016 al 11:50

    Un libro, specie se ben scritto, non con la sola penna ma ispirato dallo Spirito Santo, come lo sono i tuoi, cambia il modo di vedere la vita, cambia il modo di rapportarsi con gli altri, cambia il modo di pensare….i tuoi libri Gian fanno riflettere, ci costringono a guardarci dentro….ci insegnano che “Nel nome del Padre” tutto É possibile e che in tutto ciò che ci accade, veramente…..”Nulla É per caso” e come “Luca guarda il Cielo”. tutti noi che ti abbiamo letto ….abbiamo imparato a leggere i segni che il cielo ci manda e stiamo sempre più spesso con il naso in su…gli occhi a scrutare le nuvole…sperando di leggere in esse si un messaggio rivolto a noi…..Dio ti benedica Gian….evviva Maria….evviva Gesù!

    Daniela Cimbaro Maccagnan

Scrivi un commento