Carlo Palermo

//Carlo Palermo

Carlo Palermo

Carlo Palermo ha insegnato per oltre quarant’anni Ed. Tecnologica ed Informatica nella scuola media. Attualmente è in pensione e vive da oltre trent’anni a Marano di Napoli.

Coltiva molteplici interessi: in campo artistico, si connota come scultore figurativo ed astratto-geometrico; in ambito socio-culturale, dopo aver istituito l’Archeoclub “Maraheis”, si batte da oltre venti anni per la salvaguardia e la valorizzazione di un notevole, ma non ancora apprezzato, patrimonio di Beni Culturali della sua città. In tale ambito, ha realizzato numerosissimi progetti interistituzionali che lo hanno impegnato nel coordinamento di Associazioni Culturali e scuole per l’adozione di un monumento simbolo per la storia di Marano, come l’eremo semi-rupestre del SS. Salvatoriello di Pietra Spaccata.

Un documentario da lui realizzato gli ha consentito, nel 1996, di presentare per l’Italia a Canterbury l’esperienza di ricerca didattica svolta per il predetto monumento, nel meeting europeo, organizzato dalla Fondazione Napoli 99 e dalla fondazione Pègase  presso il Parlamento Europeo, nell’ambito del progetto europeo  “l’Ecole adopt un monument”.

Le sue ricerche sono inserite in diverse pubblicazioni, tra le quali: AA.VV. –  Bollettino Flegreo – Rivista di Storia, Arte e Scienze – N° 12,  Ed. Studio Baios srl, 2000; In Rosario di Bonito – Quarto nei Campi Flegrei – a cura del Comune di Quarto, 2008; AA. VV. – Castelli, masserie, grotte e case-torri, viaggio nel futuro di una città flegrea – Marano di Napoli.

2017-10-22T08:48:30+00:00

Scrivi un commento